819_3705_polizia-locale

Expo: soddisfazioni per Rho sul fronte della sicurezza

Gli occhi del mondo sono stati puntati su Expo 2015 per ben sei mesi. Il nome di Rho è stato scandito milioni di volte, battuto innumerevoli volte dalle agenzie. Tutto ciò, oltre a creare un ritorno d’immagine enorme, ha, giocoforza, messo in moto un apparato di sicurezza imponente, tenuto conto dell’enorme afflusso di persone in un’area relativamente circoscritta.
Non è stato facile, alla luce anche di quanto accaduto poco prima dell’inizio dell’Esposizione universale, e parliamo della strage al Tribunale di Milano del 9 aprile, o del reporter di Fanpage, Sacha Biazzo, introdottosi all’interno del cantiere di Expo indossando una pettorina e un casco da operaio, senza che nessuno gli chiedesse niente. Fatti che hanno portato a un’intensificazione massima degli interventi di prevenzione generale e di controllo del territorio, fortemente voluta dal prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca. Ma alla fine il bilancio è stato molto positivo, considerato anche l’attuale scenario internazionale, tutt’altro che tranquillo.
Per far fronte a tutto ciò, la Polizia Locale di Rho ha studiato un piano di governance generale per il territorio comunale, integrato ovviamente nel più ampio piano di viabilità generale; la polizia rhodense è stata rinforzata con l’adesione ausiliaria di 75 operatori di 25 Comandi della Lombardia che hanno aderito al progetto ‘Rho per Expo’, finanziati interamente dal Comune e gestiti dal Comando centrale. Un’operazione in ‘extraterritorialità’ per tutte le Polizie Locali coinvolte nell’evento, comprese quelle del cosiddetto ‘Asse del Sempione’, attraverso un protocollo d’intesa firmato dai Sindaci, auspicato e facilitato dal Prefetto di Milano.
Il protocollo delle Polizie Locali è in continuità con quello a suo tempo sviluppato per l’attività antimafia e controllo movimenti terra, già prima della partenza di Expo, tra i Comuni di Milano, Rho, Pero e Baranzate; un’attività che ha permesso un capillare controllo e rispetto della legalità durante la costruzione del sito e la grande movimentazione di terra, con i conseguenti rischi di infiltrazioni della criminalità organizzata.
A suggellare l’importanza e le capacità operative degli operatori di polizia del territorio, è arrivato il Premio Nazionale ANVU ‘Alvaro Pollice’, assegnato, per il 2015, alla Polizia Locale di Rho dall’ANVU (Associazione Nazionale Professionale della Polizia Locale d’Italia).
Concludiamo senza dimenticare che a Rho ha sede di Commissariato di Polizia di Rho-Pero, una ‘piccola questura': le telefonate emergenziali del 112, che prima confluivano su Milano, ora vengono girate direttamente in commissariato, con tempi d’intervento molto più brevi.

[ nella  foto, un posto di blocco di Polizia Locale (da http://www.emergency-live.com)]

 

Condividi su
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Lascia un commento

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment
avatar